lasciare andare
lasciare andare

Difficoltà a lasciare andare? 3 consigli per sentire libero

Domenico Marra Domenico Marra

Perché abbiamo tanta difficoltà a lasciare andare le cose e le persone che ci hanno ferito? Sembra che pensiamo che se manteniamo il nostro dolore, il nostro risentimento, la nostra rabbia, abbastanza a lungo, alla fine farà male alla persona che ci ha ferito. Ma indovinate un po’? Non è così.

lasciare andare

Lasciare andare e aggrapparsi a questi sentimenti non porta mai alla vittoria. Ma sapete cosa lo fa?

Lasciare andare. Ma questo richiede coraggio.

Vedremo come lasciare andare il passato, come lasciare andare la rabbia, e perché imparare a lasciare andare qualcuno è così impegnativo.

Perché è così difficile lasciare andare il passato?

A volte sembra impossibile lasciare andare il passato. Specialmente quando quel passato perseguita ogni tuo passo da sveglio. Sembra proprio che tu non riesca a farne a meno. La tua mente vaga indietro a ciò che è successo ancora e ancora. Si rigioca l’evento, si riavvolge e si mette in pausa sui ricordi più dolorosi.

La gente ti dice di lasciar perdere. Ti dicono che non ne vale la pena. Smettila di aggrapparti al dolore.

Lascialo andare e basta.

Ma non è così semplice, vero? Chiunque abbia lottato con un ricordo doloroso può confermarlo. Allora, perché è così difficile lasciar andare il passato?

Perché il tuo cervello non lascia andare?

Potrebbe aiutarvi sapere che l’incapacità di lasciare andare il passato e andare avanti non è un difetto personale. È qualcosa con cui tutti lottiamo, e per una buona ragione.

Perché il cervello è letteralmente cablato per aggrapparsi alle esperienze negative.

Ci siamo evoluti per evitare il pericolo e inseguire il piacere. Quando succede qualcosa di brutto, il nostro cervello cementa l’esperienza nella nostra psiche con grande precisione. È stato terribile, dice il cervello. Non vogliamo che accada di nuovo. È stato sconvolgente e spaventoso. Dobbiamo assicurarci di stare alla larga da questo tipo di esperienze in futuro!

Che si tratti di una terribile rottura, di una brutta esperienza di lavoro o di un trauma personale, il tuo cervello non lo dimenticherà presto. E sarete bloccati a riviverlo ancora e ancora. Finché non imparerete a lasciar andare e ad andare avanti.

Quindi, come possiamo annullare questo meccanismo evolutivo intrinseco?

Possiamo imparare a lasciare andare il passato?

Come si fa a lasciar andare e andare avanti?

Non sarebbe bello se potessimo semplicemente premere un pulsante e cancellare una brutta esperienza?

Come si fa a lasciar andare e ad andare avanti con le esperienze difficili?

Beh, una strategia suggerita da un certo numero di esperti nel campo della psicologia è quella di lavorare sull’elaborazione dell’esperienza in modo sano e consapevole.

Non c’è bisogno di correre verso il dolore, ma non si dovrebbe nemmeno scappare da esso. Non abbiate paura di esplorare i sentimenti sepolti sotto l’esperienza.

Potrebbe aiutarvi scrivere le cose. Tieni un diario o un blog online. O provare a parlare con alcune delle altre persone coinvolte nell’esperienza. Forse un tuo collega può aiutarti a vedere le cose sotto una luce diversa. O forse tuo fratello ha un’altra prospettiva su quello che è successo.

Cerca di esplorare l’esperienza in un modo che sia comodo e sicuro.

Come si fa a lasciare andare qualcuno?

Avete mai avuto difficoltà ad andare avanti dopo una relazione fallita?

Ci siamo passati tutti.

Perché sono sempre le relazioni più impegnative a rimanere bloccate nella nostra psiche?

Beh, sappiamo già come il cervello cerca di aggrapparsi alle esperienze negative. Vuole tenerti fuori dai guai la prossima volta. Ma quando tutto quello che vuoi fare è capire come lasciare andare qualcuno, questo meccanismo di autoconservazione sembra un po’ contro intuitivo.

Quindi, come si fa a lasciare andare qualcuno che si ama?

O meglio – qualcuno che amavi?

Ecco alcuni consigli veloci per aiutarvi ad andare avanti da una dolorosa relazione passata:

  • Scegli il silenzio: è dura, ma dovrai interrompere ogni contatto. Almeno per un po’ di tempo. Hai bisogno di tempo per guarire, e più spazio puoi creare per te stesso, meglio è.
  • Smetti d’idealizzare: tutti noi romanticizziamo i nostri partner in una certa misura. Glorifichiamo i loro punti di forza e bypassiamo amorevolmente i loro difetti. Ma se stai ancora idealizzando un/a ex, non andrai mai avanti. Vedili per la persona che sono veramente, e non per quella che hai costruito nella tua testa.
  • Permetti l’amore: questo può sembrare strano, ma se sei ancora innamorato di una fiamma passata, non combatterci contro. L’amore è amore. Puoi ancora amare una persona e non starci più insieme. Non puoi aiutare chi ami, ma puoi cambiare il modo in cui affronti la situazione. L’amore genuino non richiede reciprocità. Amali per tutto il tempo di cui hai bisogno prima di essere pronto ad andare avanti.

Come lasciare andare la rabbia

Se la rabbia ci tiene inchiodati, perché continuiamo a trattenerla?

Trattenere la rabbia e il dolore non ti rende coraggioso. Sapete cosa richiede vero coraggio?

Perdonare.

Sì, perdonare è enorme. Chiunque può essere arrabbiato, e rimanere arrabbiato. Ma ci vuole un vero guerriero per lasciare andare la rabbia e perdonare veramente.

Avere il coraggio di elevarsi al di sopra della rabbia e lasciarsi andare non significa diventare insensibili al dolore della rabbia. Infatti, poiché molti di noi pensano in questo modo, tendiamo a rimanere congelati nello stesso momento di dolore (a volte per tutta la vita) perché non ci permettiamo di sentirlo pienamente.

E ciò a cui resistiamo, persiste.

Soffocare le emozioni è come metterle in un’incubatrice, perché crescano e fuoriescano (o peggio, scoppino) in un altro momento.

È anche importante notare che le nostre emozioni non sono solo immagazzinate nella nostra mente. A volte, crediamo di poter pensare a una ferita emotiva. Ma in realtà, questi ricordi dolorosi sono spesso immagazzinati nel nostro corpo (non solo nella nostra mente).

Quindi, quali sono alcuni modi per sentirsi pienamente?

Cambiare prospettiva. Spesso è facile rimanere intrappolati nel nostro attuale treno di pensieri. Per questo, può essere utile cambiare la nostra prospettiva, anche se all’inizio lo facciamo solo leggermente.

A volte, aiuta immaginarsi nel futuro. Cosa penserebbe il te stesso del futuro se tu tenessi questa rabbia dentro?

Che tipo di persona vuoi essere? È solo in questo momento presente che puoi cambiare il tuo futuro.

Inoltre, se puoi immaginarti almeno 10 anni nel futuro, può aiutarti a confrontare le tue preoccupazioni attuali con il grande schema delle cose.

Niente dissolve la rabbia come la compassione.

Mettiti nei panni dell’altra persona, quando ci rendiamo conto che l’altra persona sta molto probabilmente affrontando la propria sofferenza personale, può riaprire il nostro cuore. Quando respiriamo la compassione, possiamo spazzare via la rabbia.

Aiutami a leggere più libri

Zeen Social Icons